Puoi rimpicciolire il seno con la mastoplastica riduttiva.

Mastoplastica riduttiva

Dott. Zamarian è esperto e riconosciuto per la mastoplastica riduttiva e può aiutare i pazienti a ritrovare il loro vigore giovanile con un intervento chirurgico. Seni voluminosi possono causare altri problemi ai pazienti oltre all'estetica; possono anche essere responsabili di altri sintomi che possono ridurre la qualità della vita. donne con seno grande di solito hanno mal di schiena, pesantezza alle spalle, segni profondi del reggiseno e letargia. Un intervento chirurgico di riduzione del seno può alleviare questi sintomi.

Seni grandi

Il seno si trova nella parte anteriore del torace e la capacità di succhiare è ciò che differenzia i mammiferi dagli altri animali. Alcune donne e uomini possono, tuttavia, avere seni più grandi, una condizione chiamata ipertrofia mammaria. Seni grandi negli uomini che chiamiamo ginecomastia. Quando il seno raggiunge un volume estremamente esagerato, lo chiamiamo gigantomastia. Mentre la ginecomastia di solito provoca disagio estetico negli uomini, le donne con ipertrofia mammaria o gigantomastia possono avere altri sintomi sopra menzionati, come mal di schiena, segni profondi sulle spalle causati dal reggiseno, stanchezza, difficoltà di locomozione e persino eruzioni cutanee sotto il seno causate da il sudore, soprattutto in quei seni che hanno grande volume e grande flaccidità.

Asimmetria del seno

La maggior parte delle donne ha seni di dimensioni diverse e molte non lo sanno nemmeno. Il più delle volte, il seno che di solito è più grande è quello sinistro, ma alcune donne hanno quello destro più grande. Non si sa con certezza perché la sinistra sia quella che normalmente si trova più grande, in caso di asimmetria mammaria.

Indipendentemente da quale seno sia più grande, la mastoplastica riduttiva eseguita dal Dr. Zamarian riduce notevolmente questo divario. Rimuove più tessuto dal seno più grande e, prima di chiudere l'intervento, confronta i due seni con la paziente seduta, in modo da renderli il più simili possibile. La tecnica di riduzione del seno di Pitanguy consente a seni diversi di apparire molto simili, ripristinando la fiducia e l'autostima del paziente.

Al momento dell'appuntamento in sala operatoria, il dott. Zamarian utilizza i fili consigliati dal Professor Pitanguy, bussola e foto preoperatorie per un'adeguata valutazione e confronto del seno e pianificazione dell'intervento al fine di ridurre al minimo le differenze. Alcune piccole differenze possono rimanere dopo l'intervento di riduzione del seno, soprattutto se i seni prima dell'intervento hanno basi molto diverse, ma alla fine le differenze tra i seni diminuiscono molto, migliorando notevolmente l'aspetto del seno.

Esempi di asimmetrie migliorabili:

Tecnica di Pitanguy

La mastoplastica riduttiva eseguita dal Dr. Walter Zamarian Jr. è secondo la tecnica classica di Pitanguy, che consiste in un'incisione intorno all'areola, un'altra incisione verticale e, infine, un'incisione orizzontale, realizzando una "T" rovesciata. Questo intervento è indicato per i seni grandi, che necessitano di un volume notevolmente ridotto e di un profilo rialzato, risultando in un aspetto attraente e confortevole. Il sollevamento del seno ripristina l'attività e la qualità della vita delle donne. Per i seni più piccoli che devono essere sollevati piuttosto che ridotti, il Dr. Zamarian esegue la tecnica romboidale di Pitanguy (precedentemente nota come Arié-Pitanguy) per la mastopessi (lifting del seno), che può essere eseguita con o senza protesi in silicone .

Da alcuni anni, all'inizio della sua formazione, il professor Ivo Pitanguy conosceva e compilava diverse tecniche di riduzione del seno, che venivano eseguite in diverse parti del mondo. Con la sua conoscenza della fisiologia e dell'anatomia, unita ad un'accurata tecnica operatoria, il professor Pitanguy ha sviluppato la tecnica classica di Pitanguy per la riduzione del seno. Consiste nella cicatrice a “T” rovesciata, unita ad altri dettagli inerenti alla tecnica, come ad esempio:

Gigantomastia

Gigantomastia è il nome dato al massiccio ingrossamento del seno. I pazienti con gigantomastia di solito hanno grandi difficoltà a svolgere esercizi fisici a causa del seno esageratamente grande, oltre ad apparire obesi a causa del volume del seno. La tecnica classica del professor Pitanguy riesce a trattare adeguatamente i casi di gigantomastia, riducendo grandi volumi da uno e mezzo a due chilogrammi da ciascun seno. La più grande preoccupazione nel trattamento della gigantomastia, tuttavia, è l'aumento delle areole. Molti pazienti hanno areole più basse dei gomiti, che spesso richiedono manovre per aiutare a sollevare il complesso areolare capezzolo. Quando le areole devono alzarsi per più di dieci centimetri, viene considerata la possibilità di innesto libero delle areole.

I pazienti con gigantomastia hanno spesso le spalle proiettate in avanti e in basso, con increspature nelle spalle dovute al peso del reggiseno e spesso hanno mal di schiena. Più passa il tempo, più consolidati questi cambiamenti e non appena viene identificata la gigantomastia, si consiglia di programmare la riduzione del seno per evitare seri problemi.

Preoperatorio

La domanda

Durante la visita medica, il dott. Zamarian chiede informazioni sul passato di ogni paziente, come l'età in cui ha avuto il primo ciclo e dettagli come i solchi nelle spalle e il dolore alla schiena, molto comuni nelle pazienti con seno grande, candidate a un intervento di riduzione del seno a Londrina.

Nell'esame obiettivo sono indicati la simmetria del seno, la posizione dell'areola, il volume del seno, il tipo e lo spessore della pelle, il rilassamento, la presenza di riempimento del polo superiore del seno, l'ampiezza della base del seno, la presenza o assenza di noduli valutato. , stravaso di latte, eruzione cutanea nelle pieghe sottomammaria, posizione in cui le mammelle terminano lateralmente. Inoltre, c'è una valutazione globale della paziente, tenendo conto del suo peso e della sua altezza, per conoscere la possibilità di eseguire l'intervento al suo peso attuale, o anche progettare quale sarebbe la dimensione finale del seno.

La mastoplastica riduttiva può essere eseguita su pazienti dai 15 ai 16 anni di età, poiché le prime mestruazioni non impiegano molto ad arrivare.

Esami obbligatori

Prima della mastoplastica riduttiva, sono richiesti degli esami, in modo che il Dr. Zamarian può conoscere il tuo stato di salute e sono fondamentali per la tua sicurezza:

Anestesia

Dott. Zamarian esegue la mastoplastica riduttiva in sala operatoria, in anestesia generale, con la massima sicurezza per il paziente. Il team di anestesisti che collabora con il Dr. Zamarian è molto attento ed esegue l'anestesia con i più moderni farmaci, in modo che il paziente si svegli circa tre minuti dopo la fine dell'intervento.

L'intervento chirurgico

La riduzione del seno viene eseguita rigorosamente seguendo la tecnica classica del professor Pitanguy, con la paziente semiseduta. La marcatura dei seni viene eseguita seguendo la tecnica sopra descritta, avendo cura di ridurre al minimo eventuali asimmetrie. L'intervento chirurgico inizia con la manovra di Schwarzmann (incisione perireolare), con una profonda telizzazione della regione ABC. Quindi si eseguono le incisioni laterali e, infine, l'incisione nel solco, rimuovendo la ghiandola in eccesso nel polo inferiore. La rimozione della chiglia completa la rimozione della ghiandola. L'emostasi è attenta per evitare lividi e sanguinamento. I pilastri sono uniti con 2-0 mononylon e le mammelle sono montate con 3-0 mononylon. Quindi, si segnano le posizioni delle areole e si termina l'intervento con sutura 4-0 di suture sottocutanee vicryl e, esternamente, colla cianoacrilica.

La mastoplastica riduttiva, nonostante comporti una cicatrice più grande della liposuzione, ad esempio, non è una procedura dolorosa, anzi più del 90% dei pazienti dichiara di non provare dolore.

Dimensione delle cicatrici

L'unico fattore che determina la dimensione finale della cicatrice è il volume della mammella da ridurre: più grande è la mammella, più lunga sarà la cicatrice finale, soprattutto in quelle pazienti il cui seno termina bene lateralmente, sotto le ascelle. Indipendentemente dalla lunghezza delle cicatrici, hanno avuto un bell'aspetto da quando ho usato la colla cianoacrilica presso la clinica Zamarian per la chiusura finale della pelle.

Le areole basse e grandi verranno corrette?

Sì. Dott. Walter Zamarian esegue alcune manovre per sollevare le areole, oltre a lasciarle proporzionate ai nuovi seni. Queste manovre di risalita dell'areola possono spaziare da una semplice chiglia, come raccomandato dalla tecnica del professor Ivo Pitanguy, a manovre più complesse che prevedono una maggiore distanza da scalare, come Letterman (salita verticale) o Silveira Neto (rotazione di 90 gradi delle areole). per consentire una salita massimo, circa 10 cm). Per le areole che devono alzarsi per più di 10 cm, è immediatamente indicato un innesto senza areola per evitare la necrosi postoperatoria.

Protesi in silicone

Molte donne sono preoccupate per il risultato dell'intervento di riduzione del seno, perché credono che il seno venga lasciato con il polo superiore (sopra l'areola) vuoto e che il seno cada presto. Per ridurre al minimo questa condizione, il dott. Zamarian rinuncia a due alternative: o lascia un po' più di volume nel seno che si riduce, in modo che il seno non sia un po' "vuoto" dopo l'intervento, oppure inserisce una protesi in silicone nella stessa operazione.

La protesi in silicone può essere inserita nello stesso intervento di riduzione del seno per dare maggiore proiezione al polo superiore, oltre a ritardare la futura caduta del seno.

Tuttavia, i pazienti che hanno bisogno di ridurre molto il volume del seno dovrebbero evitare di posizionare una protesi al silicone per non danneggiare la guarigione dell'intervento chirurgico. Un altro caso che sconsigliamo di posizionare una protesi in silicone è in quei pazienti che vogliono ridurre efficacemente il volume del seno, poiché le protesi in silicone possono mantenere lo stesso volume che aveva la paziente prima dell'intervento o addirittura aumentare il seno, a seconda del volume scelto. .

Un dettaglio sulla scelta della dimensione delle protesi da posizionare durante la riduzione del seno è che, poiché questa tecnica ha una cicatrice verticale più piccola rispetto alla mastopessi, la dimensione delle protesi scelta non dovrebbe essere troppo grande. Dott. Zamarian consiglia tra i formati 240, 255, 280 o 335 ml, evitando i formati più grandi.

Pertanto, nella riduzione del seno vengono solitamente scelte taglie leggermente più piccole rispetto alla mastopessi (chirurgia per il seno cadente).

Postoperatorio

Dott. Zamarian informa i pazienti sulle cure post-operatorie che dovrebbero avere dopo un intervento di chirurgia plastica per la riduzione del seno, che include:

Domande frequenti

Il seno piccolo riduce il rischio di cancro al seno?

È noto che i seni grandi hanno più ghiandole mammarie e quindi hanno un aumentato rischio di cancro al seno. Allo stesso modo, la riduzione del seno riduce efficacemente la quantità di tessuto mammario in eccesso, riducendo anche il rischio di sviluppare il cancro al seno.

Puoi allattare normalmente dopo un sollevamento del seno?

Il più delle volte sì. Fanno eccezione i seni che hanno areole molto basse e che devono alzarsi di quasi 10 cm, richiedendo la manovra chiamata Silveira Neto, che ruota le areole di 90 gradi per consentire questo aumento. In questi casi viene sezionato poco più del 50% dei dotti, il che può ridurre la capacità delle pazienti di allattare, così come nei casi di innesto senza areola, dove viene sezionato il 100% dei dotti.

La sensibilità delle areole è alterata?

Normalmente no. Come nella domanda precedente, solo in casi di areole molto basse può esserci una diminuzione della sensibilità.

In quanto tempo potrò vedere i risultati?

Subito dopo l'intervento, i seni si gonfiano e si ammaccano, ripristinando nel tempo la loro normale anatomia. A due mesi, possiamo vedere circa l'85% del risultato finale, quando scattiamo le foto postoperatorie. Il restante 15% apparirà nei prossimi 4-6 mesi.

Qual è il comportamento delle cicatrici dopo questo intervento?

Nel complesso, le cicatrici si assottigliano entro il primo mese, diventando leggermente arrossate ed evidenti circa 60 giorni dopo l'intervento chirurgico. Dopodiché, le cicatrici si assottiglieranno, si abbasseranno e si schiariranno nei prossimi 18 mesi. In questo processo, il dott. Zamarian segue da vicino il comportamento di guarigione di ogni paziente e, se necessario, prescrive alcune delle alternative per migliorare le cicatrici che alla fine deviano dal modello, indicando un trattamento individualizzato per ciascun caso.

Vuoi ridurre il peso del tuo seno e continuare a sembrare dimagrito?

Scopri quanto è bello riuscire a ridurre tutto quel volume che ti impedisce di indossare una camicetta attillata, oltre a pesare sulle spalle e sulla schiena. Ottieni seni nuovi e più piccoli che possono essere più sodi con il silicone se lo desideri, che non si distendano e che si adattino al reggiseno. Togliti il peso dalla schiena, guadagna una nuova silhouette e sii più felice e più sensuale, perché te lo mer

Sei pronto per fare quel cambiamento? Fissa un appuntamento!

Prenota la tua consulenza per la mastoplastica riduttiva in Brasile con il Dott. Walter Zamarian Jr.
+55-43-99917-9779

Chirurgo plastico in Brasile

walter@drzamarian.com

Rua João Wyclif, 111, Sala 1702
Londrina - PR
CEP 86050-450
Brasile

+55-43-99917-9779



Segui su Instagram: @walterzamarianjr



English US | Français | Italiano | Português | English UK